Repubblica Italiana - Ministero della Difesa   Climatologia Logo AM
 

Climate news

Vertice ONU/UNFCCC di Parigi sui Cambiamenti Climatici (Cop 21)

Parigi, Francia, 30 novembre - 12 dicembre 2015. La Conferenza di Parigi è stata la 21° sessione annuale delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici istituita nel 1992 (UNFCCC-COP 21) e la 11° sessione della riunione delle parti del protocollo di Kyoto del 1997. L’obiettivo è stato quello di concludere un accordo vincolante e universale sul clima, accettato da tutte le nazioni del mondo. Il testo ha rappresentato un consenso di 196 parti partecipanti e l’accordo diventerà giuridicamente vincolante allorché ratificato da almeno 55 paesi che insieme rappresentino almeno il 55% delle emissioni globali di gas serra. Queste dovranno firmare l’accordo a New York tra il 22 aprile 2016 e il 21 aprile 2017 adottandolo all’interno dei propri sistemi giuridici. Si limiterà l’incremento del riscaldamento globale a meno di 2 gradi Celsius (°C) rispe= tto ai livelli pre-industriali limitando la temperatura di 1,5°C. Secondo alcuni scienziati questo richiederà l’inizio delle “emissioni zero” a partire da u= n anno compreso tra il 2030 e il 2050. La Confederazione sindacale internazionale (International Trade Union Confederation) ha chiesto che l’obiettivo fosse “zero carbonio, zero povertà”. Il quantitativ= o di riduzione delle emissioni, sebbene volontario, sarà inquadrato in un sistem “name and shame” ovvero una lista di paesi inadempienti, con l’obiettivo di incoraggiarli ad attuare il piano sul clima.

Paris UNFCCC Summit on Climate Change (Cop 21)

Paris, France, 30 November -12 December 2015. The Paris Conference was the 21st annual session of the United Nations on Climate Change established in 1992 (UNFCCC- COP 21) and the 11th session of the meeting of the Parties of the Kyoto Protocol of 1997. The objective was to conclude a binding and universal climate agreeme= nt, accepted by all the nations of the world. The text represented a consensus = of 196 participating parties and the agreement will become legally binding when ratified by at least 55 countries which together represent at least 55% of global emissions of greenhouse gases. These will = have to sign the agreement in New York between 22 April 2016 and 21 April 2017 by adopting it within their own legal systems. It will limit the increase of g= lobal warming to less than 2 degrees Celsius (° C) compared to pre-industrial lev= els by limiting the temperature of 1.5 ° C. According to some scientists, this = will take the start of the "zero" emissions from a year between 2030 a= nd 2050. The International Trade Union Confederation requested that the target= was "zero carbon, zero poverty" . The amount of emissions reduction, although voluntary, will be framed in a "name and shame" system or a list of non-compliant countries, with the aim of encouraging them to implement the plan on climate.

Un nuovo evento di El Nino è iniziato e sembra che possa durare fino ai primi mesi del 2016

Gli scienziati della NOAA hanno annunciato il 9 Luglio 2015, l'inizio del fenomeno di El Nino, un fenomeno climatico che ha effetti sul tempo meteorologico globale, sulle condizioni oceaniche e sul settore marittimo della pesca. Viene stimata una probabilità di permanenza del fenomeno pari all'90% sino a tutto il prossimo inverno e del 80% sino a metà primavera.

El-Nino Advisory: A new El-Nino event arrives and is expected to persist until early 2016

NOAA scientists announced on 9 July 2015 the arrival of El-Nino, a climate phenomenon with a significant influence on global weather, ocean conditions and marine fisheries. It is estimated a probability of permanence of the phenomenon equal to 90% until the end of next winter and 80% until mid-spring.

Vertice ONU/UNFCCC di Lima sui Cambiamenti Climatici (Cop 20)

Lima, Perù , 1-14 dicembre 2014. La XX Conferenza delle Parti vede un primo impegno concreto sulle azioni di mitigazione da parte delle singole Nazioni fino al 2030. Risultati principali sono stati: il principio "Call for Climate Action", ovvero la riaffermazione del concetto di "responsabilità comune ma differenziata", già introdotto nella Convenzione di Rio del 1992; il meccanismo "Lost and Damage", ovvero lo strumento attraverso il quale i Paesi in via di sviluppo particolarmente vulnerabili alle conseguenze dei cambiamenti climatici potranno ricevere compensazioni per le calamità naturali legate al clima; lo stanziamento di un totale di 10,14 miliardi di dollari destinato il Green Climate Fund.

Lima UNFCCC Summit on Climate Change (Cop 20)

Lima, Peru, 1-14 december 2014. At the 20th Conference of the Parties there was a first concrete commitment on mitigation actions by individual Nations up to 2030. Main results were: the principle "Call for Climate Action", i.e. the reaffirmation of the concept of "common but differentiated responsibility", already introduced in the 1992 Rio Convention; the mechanism "Lost and Damage", which is the tool by which the developing countries particularly vulnerable to the consequences of climate change will be able to receive compensation for the climate-related natural disasters; the allocation of a total of 10.14 billion dollars for the Green Climate Fund.

XVI Sessione della Commissione di Climatologia OMM

Heidelberg, Germania, 3-8 Luglio 2014. Si è svolto, organizzato da WMO e DWD, l'incontro sopra indicato. E' stato aggiunto un ulteriore Pannello di esperti "Capacity Developmenti" concernente didattica e comunicazione per tutte le questioni concernenti clima e i cambiamenti climatici. E' stata debitamente sottolineata la collaborazione della medesima Commissione per tutti gli aspetti tecnico-scientifici riguardanti il Global Framework for Climate Services (GFCS), previsto dalla Terza Conferenza sul Clima del WMO (WCC-3), del 2009, e tuttora in fase di realizzazione.

XVI Session of the Commission for Climatology WMO

Heidelberg, Germany, 3-July 2014. The above mentioned meeting was organized by WMO and DWD. A 5th Panel of experts "Capacity Developmenti", concerning education and communication for climate and climate change matters, has been added. The cooperation about all technical and scientific aspects with the Global Framework for Climate Services (GFCS), established by the WMO Third Climate Conference, Geneva 2009 (WCC-3), and still under construction, was duly emphasized.

Vertice ONU/UNFCCC di Varsavia sui Cambiamenti Climatici (Cop 19)

Varsavia, Polonia, 11-13 novembre 2013. Viene proposto un nuovo meccanismo volto ad aiutare i Paesi in via di sviluppo da affrontare danni da eventi climatici estremi quali ondate di calore, siccità ed inondazioni, ma anche innalzamento del livello marino e desertificazione, purtroppo non sostenuto da precisi impegni finanziari. Molti attriti si sono verificati, in paticolare, tra il blocco Cina-India e Stati Uniti circa impegni concreti e propositi.

Warsaw UNFCCC Summit on Climate Change (Cop 19)

Warsaw, Poland, 11-13 November 2013. It proposes a new mechanism to help developing countries to deal with damage from extreme weather events such as heat waves, droughts and floods, as well as sea level rise and desertification, unfortunately not supported by specific financial commitments. However many frictions occurred between the block China-India and the United States about commitments and intentions.

Nuovo rapporto FAO: I rifiuti alimentari danneggiano clima, acqua, suolo e biodiversità

Roma, 11 Settembre 2013. Il problema del cibo è un problema etico a più livelli. Lo dimostra un rapporto della FAO: più di un terzo del cibo prodotto finisce nella spazzatura. Al problema primario della fame nel mondo e quello secondario del sovrasfruttamento delle risorse del pianeta, si sovrappone il problema dell'inquinamento e delle emissioni, in particolare di CO2 valutate in 3,3 miliardi di tonnellate annue (calcolo effettuato sul 2007) dovuto alla produzione, trasporto e smaltimento del cibo in eccesso, quindi, fattore di accelerazione del cambiamento climatico.

New FAO report: Food waste harms climate, water, land and biodiversity

Rome, 11 September 2013. The problem of the food is an ethical problem at multiple levels. This fact is shown by a recent FAO report: more than one third of the food produced ends up in the trash. Over the primary problem of world hunger and the secondary of the overexploitation of the planet's resources, there is the problem of pollution and emissions, in particular CO2 estimated at 3.3 billion tons per year (calculation made for the 2007) due to production, transport and disposal of excess food, therefore, causing the acceleration of climate change.

Vertice ONU/UNFCCC di Doha sui Cambiamenti Climatici (Cop 18)

Doha, Qatar, 26 novembre - 7 dicembre 2012. La più rievante tra le determinazioni del Cop 18 è stata la ratificazione dell'emendamento al Protocollo di Kyoto, che stabilisce un secondo periodo di impegni della durata di otto anni (1 gennaio 2013 - 31 dicembre 2020), in seguito al quale dovrebbe entrare in azione il nuovo accordo legalmente vincolante definito nell'ambito della vertice di Durban (noto come "Kyoto2"). Si è cominciato, inoltre, ad affrontare il tema dei danni e delle perdite associate ai cambiamenti climatici, da formalizzare nel corso dei vertici successivi.

Doha UNFCCC Summit on Climate Change (Cop 18)

Doha, Qatar, 26 November - 7 December 2012. The most important of the decisions of the Cop 18 was the ratification of the amendment to the Kyoto Protocol, which establishes a second commitment period lasting eight years (1 January 2013 - 31 December 2020), after which the new legally binding agreement identified by the Durban Platform (the so-called "Kyoto2") should come into action. It began also to deal with the damages and losses associated with climate change, a topic to be formalized in the course of subsequent summits.

Terzo Workshop workshop su "MEditerranean DAta REscue"

Istanbul, Turchia, 27-28 Settembre 2012. Sono stati illustrati gli sviluppi dei singoli paesi membri in quest'area di attività. E' stata auspicata una data policy per l'interscambio dell'informazione il più possibile comune e libera per i ricercatori. La capacità di sviluppo dovrebbe essere ulteriormente migliorata e focalizzata sulla omogeneizzazione dei dati. E' stato infine proposto di utilizzare volontari a distanza per il "DAta REscue".

Thirth MEDARE international Workshop

Istanbul, Turkey, 27-28 September 2012. During the workshop developments in this area of activity for individual member countries were shown. A common data policy for the exchange of information as much as possible free for researchers has been advocated. The capacity of DARE development should be further improved focussing on homogenisation. It was finally proposed to use remote volunteers for DARE.

Invalidato il record mondiale assoluto di temperatura

Ginevra, 13 Settembre 2012 (OMM). L'Organizzazione Meteorologica Mondiale ha invalidato il record assoluto di temperatura massima dell'aria, appartenuto per 90 anni al villaggio di El Azizia, in Libia, località circa 40 km a SO di Tripoli. Durante il biennio 2010-2011, una speciale Commissione di esperti del Pannello Climatologico dell'OMM (tra cui due climatologi del CNMCA), ha condotto un esame approfondito sul valore di temperatura estrema di 58°C, registrata il 13 settembre 1922 a El Azizia. La conclusione dell'indagine, suffragata da numerose prove sia di carattere climatico che storico, è che si sia trattato di un errore di misurazione. L'OMM ufficializza pertanto il nuovo record pari a 56,7°C, misurata il 10 luglio 1913 appartenente a Greenland Ranch (Death Valley), in California, ... in attesa di una nuova Commissione!

Invalidated the World record of temperature

Geneva, 13 September 2012 (WMO). The World Meteorological Organization invalidated the record for highest air temperature, belonged for 90 years to the village of El Azizia (Libya), about 40 km SW of Tripoli. During the 2010-2011 period, a special Commission of experts by the WMO Climatology Panel (including two CNMCA climatologists), conducted a thorough examination of the value of the extreme temperature of 58°C, recorded in the far September 13, 1922 in El Azizia. The conclusion, supported by ample evidence of climatic and historical reasons, is that it was an error of measurement. The WMO formalizes so the new record of 56.7°C in July 10, 1913, belonging to Greenland Ranch (Death Valley), California ... waiting for a new Commission!

Vertice generale ONU di Rio de Janeiro (+20)

Rio de Janeiro, Brasile, 20-22 giugno 2012. A 20 anni dal primo Vertice Internazionale sul Clima a Rio, che portò alcuni anni dopo al Protocollo di Kyoto, i motivi portanti appaiono ancora piuttosto lontani da una risoluzione operativa. Per il Ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, si è comunque trattato di un successo per la ricucitura dei rapporti diplomatici in campo ambientale tra Brasile e Comunitià Europea e per il concetto "green economy" che comincia ad essere utilizzato nei documenti delle Nazioni Unite. Potremmo dire che, almeno dal lato dell'opinione pubblica, le tematiche inerenti al clima e all'ambiente risultano essere ben più sentite.

General UN Summit in Rio de Janeiro (+20)

Rio de Janeiro, Brazil, 20-22 June 2012. 20 years after the first International Summit on Climate Change in Rio, which led, some years later, to the Kyoto Protocol, the main issues are still very far from supporting a effective resolution. For the Italian Minister of the Environment, Corrado Clini, has nevertheless been a success for the mending of diplomatic relations in the environmental field between Brazil and the European Community and the concept of "green economy" is beginning to be used in UN documents. We could say that at least from the side of public opinion on the subject of climate and environment turns out to be much more alive.

Vertice ONU/UNFCCC di Durban sui Cambiamenti Climatici (Cop 17)

Durban, Repubblica Sudafricana, 28 Novembre - 9 Dicembre 2011. Commissionato uno studio immediato per la definizione di un nuovo trattato globale che sostituirà il Protocollo di Kyoto. L'entrata in vigore definitiva per "Kyoto2" è pianificata per il 2020, ma il trattato sarà giuridicamente vincolante già dal 2015. Considerati nel conteggio del mercato globale delle emissioni anche le tecniche di cattura e stoccaggio della CO2 atmosferica. Raggiunto un accordo sul Fondo verde, stabilito dal Cop 16, a patto di aumentare la trasparenza delle azioni intraprese per i paesi in via di sviluppo.

Durban UNFCCC Summit on Climate Change (Cop 17)

Durban, South Africa, November 28 - December 11, 2011. A study for the immediate establishment of a new global treaty to succeed the Kyoto Protocol, has been commissioned. The final entrance in force for "Kyoto2" is scheduled for 2020, but it will be legally binding since 2015. Capture and storage of atmospheric CO2 have to be also considered in the count for the global emission market. Agreement on the Green Fund, established by Cop 16, was reached, provided to increase the transparency of actions in developing Countries.

8th Workshop ECSN sul Data Management

Edimburgo, Regno Unito, 12-14 Ottobre 2011. L'ottava edizione del workshop ECSN (European Climate Support Network), organizzato dall'Eumetnet ad Edimburgo, ha avuto per oggetto il Data Management. Il Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare (USAM-CNMCA), insieme con la ditta Sysman, ha ivi presentato un poster, con la descrizione del suo nuovo sistema informatico per l'elaborazione storico-meteorologicia e climatica.

8th ECSN Data Management Workshop

Edinburgh, United Kingdom, 12-14 October 2011. The 8th ECSN (European Climate Support Network) Workshop, organized by Eumetnet, was held in Edinburgh. The Workshop focused on Climate Data Management. The Italian Air Force Meteorological Service (USAM-CNMCA) took part in the Workshop issuing a poster describing its new Climate Data Management System (CDMS) developed together with SysMan software house.

Vertice ONU/UNFCCC di Cancun sui Cambiamenti Climatici (Cop 16)

Cancun, Messico, 29 Novembre - 10 Dicembre 2010. Come il Cop 15, di modesto impatto decisionale (estensione invariata - nella forma e nei partecipanti - del protocollo di Kyoto oltre il 2012), ha visto almeno riconosciuta la necessità i ridurre le emissioni di gas a effetto serra dal 25 al 40% entro il 2020, come raccomandato dal Gruppo intergovernativo di esperti sul riscaldamento globale (IPCC) per contenere l'aumento della temperatura globale entro i 2° C. Istituito un fondo verde (Green Climatee Fund) da 100 miliardi di dollari l'anno fino al 2020, per aiutare i Paesi poveri a contrastare i cambiamenti climatici ed evitare la deforestazione.

Cancun UNFCCC Summit on Climate Change (Cop 16)

Cancun, Mexico, November 29 - December 10, 2010. Although of low impact on the decisions (extension without changes - in content and participants - of the Kyoto Protocol beyond 2012), the meeting has recognized the need to reduce greenhouse gases emissions from 25 to 40% within 2020, as recommended by the Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) to keep the overall increase of global temperature below 2° C. It has been created a special fund (Green Climate Fund) of $ 100 billion per year until 2020, to help poor Countries to afford climate change issues and avoid deforestation.

Workshop WMO su “Climate Monitoring including the implementation of Climate Watch Systems in Region VI”

Offenbach, Germania, 25-28 Ottobre 2010. Il Workshop organizzato dall'OMM e patrocinato dal Deutscher Wetterdienst (Servizio Meteorologico tedesco), ha visto la partecipazione dei rappresentanti dei Servizi Meteorologici nazionali, divisioni di Climatologia, dei vari Paesi afferenti alla VI Regione WMO, cui fa capo anche l’Italia.
I principali obbiettivi posti in essere e raggiunti dal meeting sono stati:
- la valutazione delle vulnerabilità della VI Regione rispetto agli eventi climatici estremi, anche in relazione all’attuale scenario di cambiamento climatico;
- l’acquisizione di informazioni da parte dei vari Servizi Meteorologici nazionali, utili alla formulazione di appropriate linee guida per l’implementazione di un sistema di Climate Watch nazionale.

Workshop WMO on “Climate Monitoring including the implementation of Climate Watch Systems in Region VI”

Offenbach, Germany, 25-28 October 2010. The Workshop organized by WMO and managed by Deutscher Wetterdienst (German Meteorological Service), has been attended by the representatives of national Meteorological Service, Climatology divisions, of the different Counties included in the WMO Region VI, to which Italy belongs.
Main objectives posed and reached by the meeting have been :
- the estimation of vulnerability in the Region as regards to extreme climatic events, also in relation with the current scenario of climate change;
- the collection of information and hints from the different national Meteorological Services, with the aim of compiling appropriate guide-lines for the implementation of a national Climate Watch System.

Secondo workshop su "MEditerranean DAta REscue"

Nicosia, Cipro, 10-12 Maggio 2010. Il workshop, patrocinato dall'OMM (approvazione WMO-CE 60, giugno 2008), si è concentrato sulle strategie per lo sviluppo di banche dati climatiche di alta qualità a lungo termine per il bacino del Mediterraneo, per una migliore rilevazione, previsione e valutazione dei relativi impatti sui socio-ecosistemi e relativo adattamento ai cambiamenti climatici. Tra i principali argomenti:
La valutazione e la definizione di una rete di riferimento climatologica sulla "Grande Regione Mediterranea" per essere utilizzata da scienziati, interessati nel settore, politici e dal pubblico. La realizzazione di un inventario di metadati su una base nazionale, contenente le disponibilità del materiale sia digitalizzato che non, riferito alle serie storiche. L'identificazione di progetti WMO-MEDARE e la possibilità di finanziamento a livello internazionale, europeo e nazionale. La definizione di una data policy (punto ancora in sospeso).

Second MEDARE international Workshop

Nicosia, Cyprus, 10-12 May 2010. The workshop, sponsored by the WMO (endorsed by WMO EC-60 on June 2008), was focused on the strategies for the development of long-term high-quality climate databases for the Mediterranean Basin, supporting detection, prediction and adaptation to climate change and its impacts on the Mediterranean socio-ecosystems. The main topics were:
Assessment and definition of a "Greater Mediterranean Region" reference climatological network to be used by scientists, stakeholders, policy-makers and general public. Implementation of a metadata inventory on a country-by-country basis, targeting the longest and key national climate records, both digitized and non-digitized time series. Identification of WMO-MEDARE projects and funding possibilities at international, European and national scales. Data exchange policy (to be established).

XV Sessione della Commissione di Climatologia OMM

Antalya, Turchia, 19-24 Febbraio 2010. Si è svolto, organizzato da WCRP, l'incontro sopra indicato. Il documento di partenza è stato il State of the Climate 2008 della NOAA (Supplement to the Bulletin of the American Meteorological Society - Vol. 90, No. 8, August 2009). Tutte le presentazioni sono integralmente pubblicate sul presente sito.

XV Session of the Commission for Climatology WMO

Antalya, Turkey 19-24 February 2010. The above mentioned meeting was organized by WCRP. The base document was the State of the Climate in 2008 by NOAA (Supplement to the Bulletin of the American Meteorological Society - Vol. 90, No. 8, August 2009). All presentations are published in full on this website.

Vertice ONU di Copenhagen sui Cambiamenti Climatici (Cop 15)

Copenhagen, 7-18 Dicembre 2009. La Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) è stata ratificata da 192 Paesi ed è entrata in vigore il 21 marzo 1994. L'aggiunta principale alla Convenzione è il Protocollo di Kyoto, adottato l'11 dicembre 1997 ed entrato in vigore il 16 febbraio 2005 (le modalità per l'attuazione sono state perfezionate dagli accordi di Marrakesh del 2001). L'UNFCCC ha organizzato questo evento molto importante preceduto da negoziati che hanno avuto luogo nel corso del 2009 a Bonn (marzo - aprile), Bonn (1-12 giugno), Copenhagen (ottobre), Bangkok e Barcellona (novembre). I leader mondiali hanno convenuto sull imperativo di ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 50% nel 2050 rispetto ai livelli del 1990 per limitare l'aumento della temperatura media globale a 2 °C. Il presidente Ban Ki-moon ha rilevato inoltre una convergenza su almeno cinque elementi chiave per un futuro accordo internazionale sul clima.

Copenhagen United Nations Climate Channge Conference (Cop 15)

Copenhagen, 7-18 December 2009. The United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) was ratified by 192 Countries and entered into force on 21 March 1994. The main addition to the convention is the Kyoto Protocol, adopted on 11 December 1997 and entered into force on 16 February 2005 (the detailed rules for its implementation were adopted by the Marrakesh Accords in 2001). UNFCCC organised this very important event whose negotiations took place during 2009 in Bonn (March - April), Bonn (1-12 June), Copenhagen (October), Bangkok and Barcelona (November). World leaders agreed on the imperative of reducing greenhouse gas emissions by at least 50% in 2050 compared to 1990 to limit global average temperature increase to 2 °C. President Ban Ki-moon also noted a convergence of at least five key elements for a future international climate agreement.

Lancio del satellite Smos

Plesetsk, Russia, 2 novembre 2009. Si è concluso con successo in prima mattinata il lancio del satellite Smos (Soil moisture and ocean salinity), dell'Agenzia spaziale europea (ESA), dal cosmodromo russo di Plesetsk. Il satellite, posizionato in orbita polare, è basato sulla piattaforma Proteus, costruita dalla Cnes, l'agenzia spaziale francese, ed il radiometro Miras (Microwave imaging radiometer with aperture synthesis) sviluppato in Spagna. Compito di Smos saranno appunto le misure della salinità degli oceani e dell'umidità atmosferica, che contribuiranno all'analisi del ciclo dell'acqua e della circolazione delle correnti oceaniche, elementi indispensabili per lo studio dei cambiamenti climatici.

Launch of the Smos satellite

Plesetsk, Russia, 2 November 2009. The launch of the Smos satellite (Soil moisture and ocean salinity), European Space Agency (ESA), has been concluded successfully in the early morning, from Russia's Plesetsk Cosmodrome. The satellite, placed in polar orbit, is based on the Proteus platform, built by Cnes, the French space agency, and the Miras radiometer (Microwave Imaging Radiometer with aperture synthesis), developed in Spain. The task of Smos will be the measurements of ocean salinity and atmospheric humidity, which contribute to the analysis of the water cycle and circulation of ocean currents, indispensable for the study of climate change.

OMM - News sul Clima mondiale

World Climate News è un bollettino pubblicato due volte l'anno (a gennaio e a giugno) in inglese e in francese. E' un bollettino di 12 pagine che copre gli eventi e le anomalie climatiche recenti e attuali, i loro impatti socio-economici e le relazioni delle attività OMM nei settori di applicazioni legate al clima e alla ricerca.

World Climate News E' disponibile online (pdf) all'indirizzo qui sotto:

WMO - World Climate News

World Climate News is published twice a year (January and June) in English and French editions. This 12-page newsletter covers recent and ongoing climatic events and anomalies and their socio-economic impacts and reports of WMO’s activities in the fields of climate-related applications and research.

World Climate News is available online (pdf) on the following website:

Terza Conferenza Mondiale sul Clima di Ginevra. Previsioni climatiche e informazioni per i processi decisionali

Ginevra, Svizzera, 31 agosto - 4 settembre 2009. La Conferenza è stata organizzata dalla Organizzazione Mondiale per la Meteorologia (OMM) insieme alle Nazioni Unite ed altre organizzazioni internazionali, regionali e nazionali, ed è ospitata dalla Svizzera. Si intende promuovere lo scambio di soluzioni pratiche per affrontare l'impatto dei cambiamenti climatici e si prenderà in considerazione un progetto per una Infrastruttura Globale dei Servizi Climatici o "Global Framework for Climate Services" (GFCS), per colmare il gap tra fornitori di informazioni climatiche e utenti. In particolare la WCC-3, si propone di rafforzare la capacità di prevenzione e riduzione delle catastrofi naturali, di migliorare la sicurezza alimentare e le strategie di adattamento ai mutamenti climatici secondo quanto indicato dal piano d'azione di Bali (2007), dal programma quinquennale di lavoro di Nairobi (2005-2010) e dal piano decennale per diminuire i danni provocati dai rischi naturali, Hyogo Framework for Action (2005-2015).

Geneva, World Climate Conference -3. Climate prediction and information for decision-making

Geneva, Switzerland, 31 August - 4 September 2009. The Conference was organized by the World Meteorological Organization (WMO) with United Nations partners and other International Organizations, as well as Regional and National partners, and is hosted by Switzerland. It will promote the exchange of practical solutions to address the impacts of climate now and will consider a blueprint for the Global Framework for Climate Services (GFCS) to bridge the gap between climate information providers and users. In particular, the WCC-3 aims to strengthen the capacity of preventing and reducing natural disasters, improve food security and adaptation strategies to climate change as indicated by the Bali Action Plan (2007), the program five-year work in Nairobi (2005-2010) and the ten-year plan to reduce the damage caused by natural hazards, the Hyogo Framework for Action (2005-2015).

Venezia, Riunione preliminare per il Quinto Rapporto di Valutazione IPCC

Venezia, 13-17 luglio 2009. E' a Venezia che ha avuto luogo la conferenza "Scoping Meeting for the IPCC Fifth Assessment Report", organizzata da Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) con la partecipazione di CMCC, ICCG e FEEM. L'organizzazione sta iniziando a definire il Quinto Rapporto di Valutazione (AR5) che sarà ultimato nel 2014.
Nota: Si ricorda che il Quarto Rapporto di Valutazione (AR4), pubblicato nel 2007, è integralmente consultabile nella sezione Area download del presente sito.

Venice, Scoping Meeting for the IPCC Fifth Assessment Report

Venice, 13-17 July 2009. The IPCC met in Venice, Italy, for the Scoping Meeting for the IPCC "Fifth Assessment Report" with the collaboration of CMCC, ICCG e FEEM. IPCC is starting to draft the outline of its next Assessment Report, the Fifth Assessment Report (AR5).
Note: Please note that the Fourth Assessment Report (AR4), published in 2007, is fully available in the Download area of this website.

Conferenza Mondiale sul Riscaldamento Globale di Istanbul

Istanbul, Turchia, 05-09 luglio 2009. I temi principali della conferenza sono stati il riscaldamento globale e il cambiamento climatico, non solo in ingegneria e la scienza, ma anche in tutte le altre discipline (ad esempio, l'ecologia, l'educazione, le scienze sociali, economia, gestione, scienze politiche, e la tecnologia). Esso copre una vasta gamma di argomenti in materia di energia e politiche ambientali, risorse energetiche, tecnologie di conversione energetica, la gestione e la conservazione, la sicurezza energetica, energie rinnovabili, le tecnologie, la riduzione delle emissioni e di riduzione delle emissioni di carbonio fiscale, lo sviluppo sostenibile, l'inquinamento e le misure di controllo, la politica sviluppo, etc.

Istanbul Global Conference on Global Warming

Istanbul, Turkey, 05-09 July 2009. The primary themes of the conference are been global warming and climate change, not only in engineering and science but also in all other disciplines (e.g. ecology, education, social sciences, economics, management, political sciences, and information technology). It covers a broad range of topics on energy and environment policies, energy resources, energy conversion technologies, energy management and conservation, energy security, renewables, green technologies, emission reduction and abatement, carbon tax, sustainable development, pollution control and measures, policy development, etc.